Fermare attività lavorative non essenziali

Riportiamo la nota stampa ripresa da quotidiani nazionali e locali del Segretario Nazionale Maurizio Acerbo e del Responsabile Nazionale Lavoro Antonello Patta.

Rifondazione Comunista chiede al governo di sospendere le attività in tutte le aziende e le fabbriche che non si considerino essenziali. E bisogna farlo su tutto il territorio nazionale se si vuole fermare il contagio. I cinesi lo hanno fatto.

La Costituzione garantisce il diritto alla salute e non si può fermare davanti ai cancelli delle fabbriche, dei call center, delle aziende. Anche nei grandi stabilimenti come SEVEL e Fincantieri non sono state finora garantite misure di prevenzione e governo e regioni non hanno attivato controlli. Abbiamo messo sul nostro sito a disposizione un vademecum di tutela del lavoratore dal rischio biologico (http://www.rifondazione.it/primapagina/?p=41408). Bene fanno lavoratori che cominciano a scioperare come nella logistica. Il contagio si combatte consentendo a lavoratrici e lavoratori di non essere involontari veicoli del contagio. Chiediamo di sospendere le attività non essenziali, garantire un reddito di quarantena ai lavoratori autonomi e alle partite IVA e ammortizzatori sociali straordinari anche per piccole imprese, sospensione delle scadenze fiscali, blocco dei mutui, dei distacchi dell’acqua e degli sfratti.

Maurizio Acerbo, Segretario Nazionale

Antonello Patta, Responsabile Nazionale Lavoro

Partito della Rifondazione Comunista – Sinistra Europea

Taggato , , , , , , , , , . Aggiungi ai preferiti : Permalink.